sabato 15 dicembre 2007

H5N1 in Pakistan


Islamabad, 15 Dicembre – Il Pakistan ha registrato il primo caso umano mortale per influenza aviaria (H5N1). I casi sarebbero da ricondurre alla fine di ottobre, nella Provincia del nord-ovest. Il Ministro della Salute ha annunciato che: “Sei casi sono risultati positivi all’H5N1, cinque di loro risultano fuori pericolo”.
In realtà, stando alle parole del portavoce dell’OMS Gregry Hartl, i casi potrebbero essere otto.
La prima infezione umana ha colpito il lavoratore di un impresa di abbattimento di pollame. È morto in ospedale. Due dei suoi fratelli si sono ammalati, uno di questi è successivamente morto. Non è stato chiarito se il secondo decesso sia da imputare all’assistenza offerta al fratello morente o sia dipesa dalla presenza di uccelli infetti nella loro casa comune. E poi Hartl continua: “Ci sono diversi casi all’interno di un unico nucleo familiare”. “Non sappiamo come i familiari abbiano contratto il virus”. “I dettagli non sono chiari al 100%”… che è l’unica cosa chiara in tutta questa vicenda.
Fonte: Reuters (vedi qui)

Aggiornamento
Giuseppe Michieli ha appena rilasciato questo commento:
L'OMS ha riferito oggi di essere stata informata dalle autorità pakistane di almeno otto casi umani di influenza aviaria A/H5N1 nella provincia North-West Frontier (Abbottabad e Mansehra). I casi sono emersi a seguito di una estesa epizoosi di AI nella zona, in cui è prevalente l'allevamento del pollame. Il caso indice sembra essere un addetto alla liquidazione di uno stock di pollame infetto, cui sono seguiti i suoi famigliari (i fratelli). L'OMS ha inviato una equipe di esperti per assitere le autorità locali nelle azioni di contenimento dell'epidemia. L'unità mobile della marina USA si occuperà della caratterizzazione dei ceppi virali, e della presenza di mutazioni nella emagglutinina che rendano i virus più o meno trasmissibili fra esseri umani. Al momento non ci sono informazioni sufficienti per determinare le modalità di contagio per i casi sopra indicati. Vedere anche l'aggiornamento OMS .

3 commenti:

Daniel Fiacchini ha detto...

Non c'ho capito molto. Stando al Ministero della Salute pakistano i casi sono di fine ottobre. Ma si sapeva già? O la cosa è passata sotto silenzio?! Secondo alcune fonti i decessi dei due fratelli sarebbero stati addirittura contemporanei (http://birdflublog.blogspot.com/2007/12/pakistan-claim-that-two-brothers-died.html) e sarebbero da far risalire a martedì 11 dicembre.
Ma allora perchè si parla di ottobre? Come sappiamo il decorso dell'influenza è abbastanza rapido e i due fratelli morti non possono essere risultati infetti in ottobre se di fatto sono morti a dicembre. Speriamo di poter ricostruire i fatti nei prossimi giorni.

GIUSEPPE M ha detto...

La situazione per certi versi ricorda quella verificatasi in Turchia alla fine del 2005, quando almeno 12 persone si ammalarono di influenza aviaria e quattro ne morirono nella regione di Van. Questa volta sembra anche peggio: nonostante le infezioni siano comparse alla fine di ottobre, per qualche motivo le autorità non ne hanno dato notizia nè all'OMS nè tantomeno ai mezzi di informazione. Per quanto riguarda gli USA, le cose sembrano essere andate diversamente. Uno dei quattro fratelli coinvolti in uno dei cluster di infezione abitava in USA, in una località di Long Island. In visita ai suoi familiari pare sia rimasto infetto. A questo punto le autorità pakistane devono aver avvertito quelle americane del CDC poichè una volta che l'uomo è ritornato in USA è stato isolato e dei campioni analizzati per H5N1. Risultato negativo, è stato poi rilasciato. Il CDC ha oggi emesso un comunicato - anche a seguito di una serie frenetica di richieste stampa - nel quale, riferendo dei casi umani in Pakistan, sottolinea che negli Stati Uniti non ci sono casi umani o negli animali di influenza A/H5N1 (http://www.cdc.gov/flu/avian/updates/pakistan15dec07.htm ).
Si direbbe che un canale di comunicazione esista dall'inizio della crisi, ma sia stato molto confidenziale.

GIUSEPPE M ha detto...

Sì la cosa è passata sotto silenzio! Come dimostra un aggiornamento OIE (WAHID system), due epizoosi di influenza aviaria si sono registrate in Punjab e nella North West Frontier Province, ad Abbottabad - città dove si è verificato il caso indice.
Il ministero della sanità pakistano ha dichiarato che l'ultimo caso umano è emerso il 6 dicembre.
Due i cluster: uno, con quattro fratelli, e un altro il cui numero resta da stabilire.
Il NAMRU-3 è stato allertato per cui i campioni virali verranno esaminati e caratterizzato in poche ore.