martedì 23 giugno 2009

Il Ministero della Salute comunica... a modo suo.

Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali comunica... peccato che l'argomento non sia la preparazione alla pandemia influenzale, nè tantomeno qualche altro interessante argomento di salute.
Il Comunicato ministeriale n. 304 del 23 giugno 2009 è un comunicato del sottosegretario Eugenia Roccella sull'attacco di Famiglia Cristiana al Presidente del Consiglio.
Credo sia la prima volta che accade. Un comunicato del Ministero che nulla ha a che fare con la salute degli italiani.
Siamo di fronte ad una pandemia influenzale imminente. La pandemia è stata dichiarata ad impatto "moderato" dall'OMS, questo significa che non sarà severa (come la spagnola del 1918), ma non sarà neanche lieve. Registreremo un eccesso di mortalità e alcuni giovani adulti precedentemente sani perderanno la vita, così come alcune donne incinte. Di fronte a questo inevitabile scenario futuro abbiamo bisogno che il Ministero promuova una campagna comunicativa martellante, abbiamo bisogno che il Ministero coordini le Regioni per creare utili meccanismi di collaborazione, abbiamo bisogno che il Ministero stanzi dei fondi dedicati alle Regioni, abbiamo bisogno che il Ministero definisca il prima possibile le categorie prioritarie da vaccinare... e la lista potrebbe continuare.
Di certo non abbiamo bisogno di comunicati come quello odierno.

Il Ministero dovrebbe avere altro a cui pensare... dovrebbe.

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Certa opposizione invece di pensare al gossip, potrebbe chiedere (interrogazioni parlamentari?)a chi ci governa come mai non viene fatta Informazione sulla pandemia...forse non rende come il gossip ma almeno si occuperebbero di cose serie!!!!!

Giuseppe Michieli ha detto...

Gossip? Altrove questo genere di ''gossip'' viene severamente punito sia dallo stesso establishment politico, che dagli elettori. In Italia ogni abuso è permesso, compresso quello riguardante l'utilizzo di mezzi pubblici a fini privati. In ogni caso, il blog non è interessato alla politica in senso stretto (ovvero alle beghe dei politicanti), piuttosto è pressato da questioni di ''politica sanitaria'', e di protezione della salute pubblica: cosa c'è di piu' importante che salvare il piu' gran numero di vite possibile in una emergenza? Io voglio solo sapere a chi importa veramente.

Anonimo ha detto...

Appunto, visto che l'attuale governo sembra latitare in politiche sanitarie, l'opposizione se è interessata alla protezione della salute pubblica, si faccia avanti...è nell'interesse di tutti.
Mi domando perché c'è silenzio sia a destra che a sinistra nelle tv, ma anche nei giornali....anche in quei media che storicamente non sono allineati con l'attuale governo.

Daniel Fiacchini ha detto...

"Anonimo" (firmati anche con un nickname!), hai ragione. L'indifferenza alla pandemia influenzale è, purtroppo, bipartisan.

Giuseppe Michieli ha detto...

Bene. Allora io aggiungo una cosa: per forza stanno zitti: il direttore dell'ECDC ha detto oggi che un vaccino specifico per H1N1v sarà disponibile soltanto a partire dal 2010 e in poche dosi.

Volete che ai TG venga in mente di dare una notizia del genere!

Il testo integrale dell'intervento di Zsuzsanna Jakab può essere letto seguendo questo link: http://ecdc.europa.eu/en/About_us/Organisation/Director_staff/Speeches/2009_06_24_Warsaw.pdf

Anonimo ha detto...

Ribadisco che se il vaccino è pronto nel 2010 l'informazione sulle altre misure di protezione sono alquanto necessarie...ma parlando con colleghi questa influenza viene molto sottovalutata nell'ambiente sanitario per cui non capisco come possano essere sensibili i non addetti ai lavori....sembra di stare in due mondi diversi...chi vivra' vedra'!